Valutazione Rischi

Secondo l'Accordo Conferenza Steto-Regioni del 07-02-2013 sulla "Valutazione e gestione dei rischi correlati all'igiene degli impianti di trattamento aria" gli impianti "devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori. Qualsiasi sedimento o sporcizia che potrebbe comportare un pericolo immediato per la salute dei lavoratori dovuto all'inquinamento dell'aria respirata deve essere eliminato rapidamente”.

Periodicità: Fatte salve le indicazioni del fabbricante presenti sul manuale di istruzione e d’uso o eventuali indicazioni di specifiche leggi, la frequenza delle ispezioni visive consigliata è annuale, o comunque stabilita in base ai risultati delle precedenti ispezioni e della valutazione dei rischi.

Le componenti da ispezionare sono:

  • Unità trattamento aria (UTA)
  • Terminali di mandata dell'aria
  • Condotte dell'aria
  • Torri di raffreddamento

Monitoraggio Microbiologico dell'Impianto: Alcune leggi regionali prescrivono di valutare lo stato igienico dei componenti dell’impianto attraverso il monitoraggio microbiologico delle superfici a contatto con il flusso d’aria. In tal caso è raccomandabile valutare le cariche totali batteriche e micetiche. Nel caso in cui gli occupanti di ambienti lavorativi chiusi lamentino sintomatologie potenzialmente correlabili con l’esposizione ad allergeni di origine biologica (riniti, dermatiti, asma, etc) occorre escludere tale rischio attraverso la ricerca di contaminanti di origine microbica, animale o vegetale.

Di seguito viene riportato il link con il documento completo.

Valutazione Rischi